Ulule e italiani all’estero: perché una piattaforma di crowdfunding deve pensare globalmente ed agire localmente

Come dice Alexandre Boucherot, co-founder di Ulule, piattaforma di crowdfunding francese:

[blockquote width=’100′]

Il crowdfunding è uno strumento Web-based, e quindi globale.

[/blockquote]

 

Cosa vuol dire?

Vuol dire che la posizione geografica del progetto non debba essere, per forza, la stessa del sostenitore del progetto.

Volete qualche esempio?

eccone 2 (citati da Alexandre Boucherot nel video)

[blockquote width=’100′]

a) Overade

Progetto pubblicato da una giovanissima azienda con sede a Parigi e finanziato con successo da 231 sostenitori da 26 paesi diversi. Di questi 231 donors, soltanto il 40% era francese.

[/blockquote]

[blockquote width=’100′]

b) Farming Simulator

Progetto che ha raggiunto il budget richiesto grazie al sostegno di 349 persone provenienti da 27 Paesi diversi.

[/blockquote]

E se School Raising puntasse anche sugli italiani all’estero?

Come illustra il Rapporto italiani nel mondo 2013 dal 2007 ad oggi il numero dei residenti all’estero è aumentato del 20 per cento. In questi mesi, vivono stabilmente oltre confine quattro milioni e 400 mila persone, un milione in più rispetto a cinque anni fa.

Qui di seguito alcuni numeri (e a noi ci piace darvi dei numeri) sugli italiani all’estero sui quali School Raising vuole puntare.

Secondo i dati riportati dall’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) al 1 Gennaio del 2013 i cittadini italiani residenti fuori dai confini nazionali sono:

[counter type=’type2′ position=’left’ delay=’2′ digit=’4.341.156′ font_size=’45’ font_color=’red’]

ovvero il 7,3% dei circa 60 milioni di italiani residenti in Italia.

[/counter]

[progress_bars type=’normal’]

Di questi il 52,8% (quasi 2 milioni e 300 mila) all’inizio del 2013 è partito dal Meridione

[progress_bar title=” percent=”52.8″ color=’White’ background_color=’red’ noactive_background_color=” top_gradient=” bottom_gradient=”]

Il 32% (circa 1 milione 390 mila) dal Nord Italia

[progress_bar title=” percent=”32″ color=’White’ background_color=’red’ noactive_background_color=” top_gradient=” bottom_gradient=”]

Il 15% dal Centro Italia (poco più di 662 mila)

[progress_bar title=” percent=”15″ color=’White’ background_color=’red’ noactive_background_color=” top_gradient=” bottom_gradient=”]

[/progress_bars]

 

La maggior parte degli italiani residenti fuori dall’Italia si trova in:

[table]

[table_row][table_cell_head] Europa [/table_cell_head][table_cell_head] America [/table_cell_head][table_cell_head] Oceania[/table_cell_head][table_cell_head] Africa [/table_cell_head][table_cell_head] Asia [/table_cell_head]

[/table_row]

[table_row][table_cell_body] 2.364.263 [/table_cell_body][table_cell_body] 1.738.831 [/table_cell_body][table_cell_body] 136.682 [/table_cell_body][table_cell_body] 56.583 [/table_cell_body][table_cell_body] 44.797 [/table_cell_body][/table_row]
[table_row][table_cell_body] 54.5% [/table_cell_body][table_cell_body] 40.1% [/table_cell_body][table_cell_body] 3.1% [/table_cell_body][table_cell_body] 1.3% [/table_cell_body][table_cell_body] 1% [/table_cell_body][/table_row]

[/table]

 

Una situazione comune, costante, soprattutto per chi ha qualche anno più di lei: a scappare dal Bel Paese sono soprattutto gli italiani fra i 35 e i 44 anni, da soli il sedici per cento del totale.

Ecco gli emigrati per fasce d’età

[pie_chart3 color=”]15.4,#007FFF,15.4% minori 18 anni;8.3,#FF0000,8.3% tra 18 e 24 anni;14.2,#FF9900,14.2% tra 25 e 34 anni; 15.9, #03C03C, 15.9% tre 35 e 44 anni; 14.5, #991199,14.5% tra 45 e 54 anni; 12.1,#FFD800,12.1% tra 55 e 64 anni;9.6,#FF6088,9.6% tra 65 e 74 anni;10,#000080, 10% 74 anni [/pie_chart3]

 

Questi invece sono primi tre paesi di residenza dei cittadini italiani all’estero per ogni regione del Sud Italia

[table]

[table_row][table_cell_head] Regione [/table_cell_head][table_cell_head] Paese 1 [/table_cell_head][table_cell_head] Paese 2[/table_cell_head][table_cell_head] Paese 3 [/table_cell_head]

[/table_row]

[table_row][table_cell_body] Calabria [/table_cell_body][table_cell_body] Argentina 87.719 [/table_cell_body][table_cell_body]Germania 68.661 [/table_cell_body][table_cell_body] Svizzera 46.486 [/table_cell_body][/table_row][table_row]

[table_cell_body] Sicilia [/table_cell_body][table_cell_body]Germania 213.843[/table_cell_body][table_cell_body]Belgio 95.280 [/table_cell_body][table_cell_body] Argentina 77.631 [/table_cell_body][/table_row][table_row]

[table_cell_body] Puglia [/table_cell_body][table_cell_body]Germania 99.472[/table_cell_body][table_cell_body]Svizzera 68.931 [/table_cell_body][table_cell_body] Francia 31.583 [/table_cell_body][/table_row]

[table_row][table_cell_body] Basilicata [/table_cell_body][table_cell_body]Argentina 26.374[/table_cell_body][table_cell_body]Germania 17.342 [/table_cell_body][table_cell_body] Svizzera 17.167 [/table_cell_body][/table_row]

[/table]

Quando incrociando i dati di Ulule con i numeri degli italiani all’estero, la nostra community cambia aspetto: vive tra diversi paesi e continenti, parla diverse lingue, appartiene a diversi network e quindi donerà per diversi ragioni.

Per questo, ancor prima di andare online con la piattaforma, negli spazi di tempo, pensiamo già alla versione inglese. Cosa ne pensate?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *