Il nostro documentario racconterà agli italiani come salvare il mare dalla plastica

Storia

Vi vogliamo raccontare l’esperienza di toccare con mano i danni delle plastiche sull’ambiente e di lavorare con chi vuole porre fine al problema.

Scuola : ITSE RINO MOLARI - Santarcangelo di Romagna

Descrizione del progetto

Boyan Slat ha iniziato proprio così: osservando gli effetti mortali delle micro-plastiche sui pesci e sugli uccelli. Qualche anno dopo, a soli 18 anni ha vinto il Best Technical Design award 2012 e raccontato il progetto ai TEDxDelft.

Come studenti della II E dell’ITSE R. Molari stiamo seguendo un percorso di coinvolgimento con attività di lettura del territorio marino e di esperienza insieme a chi lavora sul tema da anni. 

Abbiamo già eseguito i controlli sull’ecosistema marino e sulla qualità delle acque a bordo della Motonave Daphne, abbiamo lavorato con i Mutoid, comunità di creativi ed artisti del riciclo, abbiamo visitato l’Ospedale delle Tartarughe della Fondazione Cetacea, siamo stati ospiti negli impianti di riciclo e smaltimento di HERA.

Potete seguire le nostre avventure sul nostro gruppo Facebook.

Ora vogliamo raccontare questo percorso a chi non è potuto essere presente. Grazie alle riprese già fatte e quelle in corso con l’aiuto della filmmaker Isabella Scarpellini, e partecipando con il nostro video-documentario a 3 concorsi:

  • Milano EXPO 2015
  • Focus Giovani editori
  • Immagini per la terra

“A microplastics world”

Il Video documentario che realizzeremo sarà un prodotto di comunicazione capace di raccontare, con qualità e in ottica educativa, il territorio di quel tratto del Mare Adriatico compreso tra Cesenatico (FC) e Riccione (RN) e le sue problematiche, al fine di acquisire consapevolezza della necessità di comportamenti responsabili e all’altezza delle grandi sfide che l’ambiente pone.

L’elaborato finale sarà un DVD contenente il video documentario e dei video approfondimenti su:

  1. I Mutoid: la comunità di creativi ed artisti del riciclo
  2. Il lavoro della Motonave Daphne
  3. La Fondazione Cetacea: L’ospedale delle tartarughe
  4. Smaltimenti e recupero dei rifiuti negli impianti di Hera

Il perché del progetto

Crediamo nel valore educativo della scuola come luogo del “conoscere” e del “fare esperienza”.

Gli studenti, dopo l’avvicinamento a questioni sociali e ambientali proprie della costa di Mare Adriatico (ambiente che vivono nella loro quotidianità) sono ora coinvolti, come “attori” nell’azione educativa volta a studiare l’effetto delle micro-plastiche sul mare e quindi al rispetto del loro territorio marino.

Marco Farneti e Domenica Maria RussoProfessori dell’ ITSE RINO MOLARI

Collaborano con noi

Diviene necessario, pertanto, la collaborazione con altri docenti del CdC e soprattutto la collaborazione di esperti territoriali come:

  1. ArpaER- Daphne
  2. Guardia forestale
  3. Fondazione cetacea di riccione (RN)
  4. Hera spa
  5. Mutoid – organizzazione di artisti (arte del riciclo)
  6. Isabella Scarpellini – filmmaker

Ciak si gira!

Eccoci a lavoro!

Altre foto le trovate sul nostro gruppo Facebook

Chi è Boyan Slat?!?!

Se ve lo state ancora chiedendo, ecco il suo intervento al TEDxDelft

Budget

Costo Voce
2000 € intervento e produzione filmmaker
250 € materiali di produzione, borse di canapa
250 € evento serale
250 € Servizio School Raising (10%)
Update
Commenti
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Finanziatori ( 3 )

Anonimo

Anonimo

Giovanni Cataldi